O que fazer em Plovdiv, a segunda maior cidade da Bulgária

Cose da fare a Plovdiv, la seconda città più grande in Bulgaria

dicembre 9, 2019 7 Di Christian Gutierrez e Priscilla Gutierrez

Cose da fare a Plovdiv? Nonostante sia sconosciuto a molte persone, Plovdiv è la seconda città più grande della Bulgaria e la popolazione più antica d'Europa., con oltre seimila anni di storia, Plovdiv era un insediamento neolitico risalente a quattromila anni prima di Cristo..

popolazioni traci, Romani, Di lì passarono anche bizantini e ottomani. Un tour della città rende evidente il segno lasciato da tutti loro e il valore storico e architettonico della città.

Motivi più che sufficienti per Plovdiv diventare Capitale Europea della Cultura in 2019. E per te visitarlo prima che diventi di moda!

Siamo andati a Plovdiv, in un viaggio in diverse città del Bulgaria, da a capitale Sofia anche le città costiere come: Nessebar, Spiaggia assolata, sabbia dorata e Albena, quel giorno abbiamo lasciato Sofia, dove siamo stati due giorni per conoscere la capitale, da lì il terzo giorno ci siamo diretti verso Sunny Beach, con tappa a Plovdiv, per trascorrere un'intera mattinata in questa città super affascinante.

Plovdiv, sono tante le rovine romane che compaiono in ogni angolo della città, far tornare indietro nel tempo il turista, abbiamo visitato ognuna di queste meraviglie romane.

La città ha diverse strade acciottolate e edifici del XIX secolo che ti porteranno in un'altra epoca.. Meno vivace di altre zone della città, ma molto affascinante. Forse è anche la parte della città dove è più evidente la traccia lasciata dalle diverse civiltà che sono passate per Plovdiv nel corso della storia.

Durante il Rinascimento, la città vecchia oggi il centro città, era dove viveva la classe più ricca, che si riflette nelle ville colorate che vediamo ancora oggi, in uno stile architettonico unico, in questa parte si possono visitare tipiche case bulgare, ne abbiamo visitati due vicino alla porta di Plovdiv, questi edifici li possiamo vedere solo lì. Loro esistono 150 case elencate, molti dei quali sono stati convertiti in musei o ristoranti..

Plovdiv

Nella città vecchia si trova anche la chiesa più antica della città., la chiesa di Sveti Konstantin ed Elena, costruito nel 1578, oltre alle moschee e un anfiteatro romano quasi sotto la moschea.

a un'estremità del quartiere, no topo da colina de Nebet Tepet, sono le rovine di un'antica fortezza e viste mozzafiato sulla città., da lì ha una bellissima vista panoramica della città, la fortezza è in rovina, poco rimasto, in un negozio di souvenir abbiamo visto una cartolina del tramonto dalla cima di Nebet Hill., bello.

Collegamento alla città vecchia, troviamo anche Knyaz Alxandar I street. Questa grande strada compete con Stroget Street, in Copenhagen, come la più grande strada pedonale in Europa. In verità, è una combinazione di due strade che totalizzano 1.750 metri, 250 metri più in là della famosa strada danese. Alla fine della strada c'è il teatro romano e, sulla mia strada, caffè, Bares, negozi ed edifici che piaceranno agli appassionati di architettura del primo Novecento.

Rovine romane a Plovdiv

Ad un'estremità della strada c'è Piazza Dzhumayata e le rovine dell'anfiteatro romano, costruito all'inizio del II secolo. L'Anfiteatro aveva una capienza di più di 30.000 spettatori ed era il luogo in cui si svolgevano giochi sportivi simili a quelli greci. Un modello del monumento mostra che sotto il viale principale ci sono più rovine che non sono state scavate.

Rovine romane a Plovdiv

Accanto all'anfiteatro quasi sopra c'è la Moschea Dzumaya, costruito a metà del XV secolo durante l'Impero Ottomano, è un chiaro esempio del mix di culture e storia che caratterizzano la città.

Plovdiv ospita anche un teatro romano, costruito tra la fine del I e ​​l'inizio del II secolo, e uno dei meglio conservati al mondo. L'edificio originario aveva una capienza di seimila spettatori, che ha iniziato a guardare spettacoli teatrali e combattimenti di gladiatori. attualmente, è ancora utilizzato per concerti ed eventi, come il festival internazionale del folklore o i festival dell'opera e del rock.

Plovdiv è la meta ideale per chi cerca di sfuggire al turismo di massa delle capitali europee e delle grandi città, inoltre è una città economica in termini di cibo., drink e hotel, è un buon momento per visitare la città, puoi fare un viaggio di andata e ritorno dalla capitale o dalla costa.

Siamo arrivati ​​lì e ci siamo fermati in un parcheggio vicino al centro città..

Tutta la mattina passeggiamo per la città, già all'ora di pranzo e prima di andare a Sunny Beach, siamo andati a mangiare a ristorante Cosy Hill, un ottimo ristorante con cucina tipica bulgara, a buon mercato, per una coppia è uscito 20 euro con drink, ha anche una bellissima vista sulla città perché, è accanto alle rovine della fortezza collinare Nebet Tepet. Il piatto che abbiamo mangiato era una specie di tortino di patate con cous cous e formaggio e per accompagnare il cuore di pollo, qualcosa che altri posti in Europa non hanno.

ristorante Cosy Hill

Cose da fare a Plovdiv, la seconda città più grande in Bulgaria:

Moschea Dzhumaya

Una città estremamente antica e multiculturale come Plovdiv ha un grande mix di tutte le religioni e, una delle attrazioni turistiche della città è il Moschea Dzhumaya, è nel centro di Plovdiv ed è stato costruito tra 1363 e 1364 sul sito della chiesa cattedrale di Sveta Petka Tarnovska, dopo la conquista di Plovdiv da parte dell'esercito ottomano.

Moschea Dzhumaya

Anfiteatro Philipopolis

il Anfiteatro Philipopolis fu costruito all'inizio del II secolo d.C. durante il regno dell'imperatore Adriano (117-138). Di 240 m lungo e 50 m di larghezza, era un teatro con spazio per 30.000 spettatori.

Anfiteatro Philipopolis

L'Anfiteatro è ora sotto la città attuale, e ci sono spettacoli lì. Uno dei posti più belli della città e non avremmo mai pensato che visitare una città nel mezzo della Bulgaria avrebbe avuto così tante rovine romane ben conservate.

Anfiteatro Philipopolis

Chiesa Ortodossa Assunzione della Santa Vergine

UN Chiesa Ortodossa Assunzione della Santa Vergine, è sulla strada per la collina di Nebet Tepe, una bellissima chiesa ortodossa che possiamo visitare gratuitamente.

Chiesa Ortodossa Assunzione della Santa Vergine

Knyaz Alexander I Street

Knyaz Alexander I Street è una famosa strada del centro con tutti i negozi della città e alla fine con molti ristoranti in piazza Stefan Stambolov, in questa strada c'è ancora una statua molto famosa che tutti si fermano a fare foto, un Statua di Milio è in onore di una persona popolare, gentile ed eccentrico dal passato di Plovdiv, la leggenda narra che conoscesse i pettegolezzi da tutta la città e lo raccontasse a tutti coloro che ne erano interessati..

Knyaz Alexander I Street Statua di Milio

Odeon di Filippopoli

il Odeon di Filippopoli era la casa dei vecchi “governatore” di Plovdiv, era anche utilizzato come teatro per la sua struttura.. Gli edifici dell'Odeon hanno avuto quattro periodi di costruzione: dal II secolo d.C, quando è stato inizialmente costruito?, fino al IV secolo d.C, quando è stato abbandonato?.

Odeon di Filippopoli

Oggi stanno facendo un restauro del luogo che è stato abbandonato per molto tempo., ma ha ancora quelle belle colonne romane.

Foro Romano di Filippopoli

il Foro Romano di Filippopoli, Filippopoli è il nome di una città di epoca romana, il forum è di forma rettangolare circondato dalle rovine di diversi vecchi edifici amministrativi nel centro di Plovdiv. Era il centro della vita pubblica, amministrativo, commerciale e religioso nella città vecchia. incontri, discussioni, vi si tenevano feste ed eventi di stato.. Fu costruito nel I secolo d.C..

Foro Romano di Filippopoli

Parco dello Zar Simeone

Accanto al Foro Romano e alla fine di Knyaz Alexander Street è il Parco dello Zar Simeone, con diverse fontane nel parco e rendendo la città più verde, il parco è bellissimo, vale la pena farci un giro.

Parco dello Zar Simeone

Casa Balabanov's

A Casa Balabanov's, è una casa che rappresenta le tipiche vecchie case di Plovdiv, fu costruito all'inizio del XIX secolo da Hadzhi Panayot Lampsha, cittadino bulgaro, nato a Plovdiv.

Casa Balabanov's

Antica città di Plovdiv

L'antica città di Plovdiv che si trova nel centro della città attuale e sale fino alla collina di Nebet Tepe, ci sono tante belle strade da percorrere tutte, Fa male agli occhi e un passo indietro nel tempo.

Chiesa di San Costantino ed Elena (Costantino ed Elena)

Accanto al cancello di Hisar Kapia c'è il Chiesa di San Costantino ed Elena, è considerata una delle chiese più antiche della città., in costruzione 337, è nel luogo dove si trovava l'acropoli, su uno dei colli fortificati. La chiesa prende il nome dall'imperatore Costantino, il grande, e da tua madre Elena.

Chiesa di San Costantino

Cancello “Hisar Kapia”

il Porta Hisar Kapia è una porta medievale al centro storico di Plovdiv e uno dei luoghi più famosi della città., è stato costruito nel secolo 11 d.C. in epoca romana, l'Hisar Kapia era uno dei tre ingressi all'acropoli dell'antica Plovdiv.

Porta Hisar Kapia

Casa regionale Museo Etnografico e Plovdiv

UN Casa Regionale Etnografica e Museo di Plovdiv, è un'altra casa dell'era bulgara del XIX secolo..

Colina Nebet Tepe

UN collina di Nebet Tepe, dove oggi si trovava l'acropoli di Plovdiv ha solo le rovine romane di quel tempo, la collina ha una bellissima vista panoramica della città..

Colina Nebet Tepe